trattamenti di medicina esteticaBelli, belli per sempre, dalla nascita alla morte!

Questo forse il desiderio del 99% di ognuno di noi.

L’effetto che la bellezza fisica ha sulla nostra vita è molto potente. Questo lo possiamo riscontrare già in giovane età. Un neonato giudicato attraente, avrà più attenzioni e sarà considerato maggiormente gestibile dai genitori; anche a scuola i bei bimbi riusciranno ad intrattenere un più alto numero di relazioni, andando ad incrementare il giudizio positivo su loro stessi. Addirittura gli insegnanti tenderanno a privilegiare i bambini più attraenti e avranno per loro un giudizio positivo, paradossalmente anche  nel rispetto del loro rendimento scolastico.

Non è assolutamente un mistero il fatto che la bellezza rappresenti un buon predatore anche per il successo lavorativo. Sappiamo tutti ormai quanto sia importante, soprattutto in quest’ambito, avere una presenza avvenente, che non ci tornerà utile solo nel momento del colloquio ma per tutto il resto della nostra carriera lavorativa.

Per tutte queste preziosissime ragioni quindi, il connubio tra bellezza e benessere, con il successo personale delle relazioni e del lavoro, diviene cosa quasi fondamentale per ognuna di noi.

Vi siete mai chieste quindi  come sarebbe stato se aveste potuto in qualche modo risvegliarvi al mattino, togliervi il cerone della sera prima e ritrovarvi con una viso differente da quello per il quale non ritenevate di essere così soddisfatte ? Sottinteso, cambiarlo ma  non di molto…ringiovanirne, addolcirne sicuramente  e aggiustarne i connotati, al fine di poter essere soprattutto più belle, più giovani e più desiderabili..

Ovviamente, se parliamo di apparire sui social in modo differente da come in realtà mamma ci ha fatte nascere, bè,  il gioco è presto fatto. Applicando i filtri alle nostre foto, oppure inserendo effetti speciali con l’utilizzo della cosiddetta “realtà aumentata”,  realtà che diviene tale perché alimentata dall’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni che non sarebbero percepibili con i cinque sensi, otterremmo risultati fantasmagorici. I filtri che vengono usati nelle app per selfie divertenti o per variare la fisionomia del nostro viso, sono tutti basati su questo principio innovativo.

Questo tipo di tecnologia permette anche di cambiare, trasformare il proprio viso addirittura da uomo a donna e viceversa, oppure di spianare letteralmente il nostro viso da rughe e imperfezioni di svariata natura.

Ma non credo possano bastarci foto ritoccate da tecnologie al passo con i tempi, se pur utili per auguri o whatsapp da urlo… La realtà sussurra ormai la verità degli intenti e non possiamo quindi più nasconderci troppo dietro le buone intenzioni, al contrario dobbiamo agire in modo deciso e assolutamente consono al nostro essere, soprattuto fisico e mentale.

Oltretutto poi, molto sovente, la percezione che abbiamo di noi stessi rispetto al nostro aspetto esteriore, non combacia con quella che gli altri hanno di noi. Per questo dobbiamo stare molto attenti alla fisionomia che vorremmo adottare, senza farci troppo condizionare dai social o dai giudizi di massa. La bellezza più autentica è infine quella che chiama il giudizio dell’eleganza, dell’equilibrio e della sobrietà. Marcare troppo la miglioria degli inestetismi, come voler a tutti i costi assomigliare a qualcuno che neppure conosciamo, bè, non può che portarci danno anche se siamo convinte di fare l’esatto opposto. Attente quindi, stiamo molto attente a ciò che vogliamo fare su noi stesse e avvaliamoci di strumenti assolutamente consoni ad un’etica di miglioria testata e non stravolta dalla  sola paura di invecchiare.

Detto questo, tornando alla realtà più assoluta che ci appartiene, esistono  svariati metodi di rifacimento personale e quindi del nostro aspetto a noi più o meno soddisfacente. Nei casi più estremi potremmo anche pensare di cambiare la fisionomia del nostro viso tramite un intervento approfondito di chirurgia estetica plastica ricostruttiva, per esempio avvalendoci di un lifting facciale completo  (sollevamento e riposizionamento  anatomico dei tessuti molli del viso), o con blefaroplastica (se opportuna): rimozione della pelle in eccesso sulle palpebre, oppure con lipofilling (aumento volumetrico delle guance, delle aree temporale, dei solchi naso-gemini) + laser chirurgico ablativo/semiablativo  (rimozione degli strati superficiali cutanei con eliminazione delle piccole e fini rughe, delle macchie ed altre imperfezioni cutanee).

Insomma, cambiare viso (e non solo) ormai non è pù un problema, in nessun caso, in nessuna età, basta la dotta informazione, l’attenzione approfondita della raffinatissima tecnologia innovativa e sicuramente l’eccellenza medica di chirurghi più che referenziati.

Ma senza eccedere troppo nel cambiamento, la vita ci insegna che si possono, a piccoli passi, ridurre le imperfezioni in modi sicuramente meno invasivi e anche meno dolorosi e distanti da degenze scomode e piuttosto lunghe.

Almeno nei primi anni di invecchiamento dobbiamo innanzitutto avvalerci dell’informazione più corretta in materia.

trattamenti medicina esteticaQuali sono i trattamenti più richiesti?

Gli interventi di medicina estetica sono assolutamente ormai testati da svariati anni e vantano testimonianze e stati di fatto assolutamente attendibili.

Al giorno d’oggi, i 50/60 anni sono diventati i nuovi 40. E non è solo un modo di dire. Le donne  over 60 sono persone ancora molto dinamiche, che lavorano e hanno una vita sociale attiva. Nella società moderna, quindi, le sessantenni sono considerate giovani e come tali non rinunciano al piacere, a piacersi e a cercare continuamente di migliorarsi. Non più semplici pensionate senza slanci ne curiosità, ma bensì attraenti signore in prima linea nel lavoro, nelle questioni familiari e non solo…

Però molto spesso sentirsi giovani a 60 anni stride con l’effettivo aspetto fisico, invecchiato e stanco, per cui una donna di questa età cerca una soluzione per riuscire a preservare un po’ di giovinezza e a farne grande tesoro, sentendosi quindi, nella sua esteriorità ad egual modo di come si sente nella sua interiorità.

Ogni intervento di medicina estetica oggi ha la sua fascia d’età media dedicata (troviamo anche donne di 30 anni che si avvalgono di medicina estetica). Se le persone più giovani non accettano il proprio aspetto fisico e vogliono cancellare un difetto, le persone più over di età cercano quindi di ringiovanire.

A parte il discorso legato alla chirurgia estetica plastica ricostruttiva di cui prima facevo cenno, parliamo innanzitutto di medicina estetica. I numeri non mentono :  l’Italia è nona al mondo per le richieste non invasive, circa 190 mila trattamenti effettuati in un anno e sono destinati ad aumentare ancora in modo considerevole.

Il viso è la prima cosa evidente in prima linea sul panorama dei grandi osservatori, a partire innanzitutto da noi stesse.

La tossina botulinica : nasce come cura per determinate condizioni muscolari e viene poi implementata in medicina esteticaper la correzione delle rughe. Contribuisce a rilassare i muscoli, paralizzandoli e creando l’effetto lifting. Essa viene utilizzata principalmente per le rughe della fronte e del contorno occhi.

Grazie ai filler di acido ialuronico, infatti, potremo andare ad aumentare il volume degli zigomi, eliminare le rughe peri-oculari, riempire le labbra e gli zigomi, al fine di ritrovare la giovinezza ma senza esagerare.

La blefaroplastica non chirurgica  è un’altro trattamento di medicina estetica molto richiesto. E’ la chirurgia delle palpebre che usa un laser al posto del bisturi. Viene effettuata per migliorare l’aspetto del viso e il ringiovanimento dello sguardo.

La biorivitalizzazione del viso anche nota come biolifting invece è un’altro intervento di medicina estetica che in qualche modo mantiene costantemente attivo e rigenerato il tappeto rosso del nostro viso e del nostro décolleté più splendente. Reputo questo trattamento assolutamente importante, una base da ripetere costantemente per tutto il corso dell’anno. E’ una cura estetica del viso non invasiva che restituisce elasticità e tono ai tessuti cutanei. Questo innovativo trattamento consiste nella iniezione di una serie di farmaci bio-stimolanti (come l’acido ialuronico puro) sali minerali e vitamine (A, B3, B5, B6, B12, C, E), allo scopo di favorire la sintesi del collagene e di idratare in profondità la pelle ripristinandone l’equilibrio naturale e garantendo al viso un aspetto fresco e levigato. E’ uno dei trattamenti più in voga e non presenta alcun tipo di controindicazione o effetto collaterale (un po’ come tutti i trattamenti di medicina estetica fino ad ora citati).

Esiste anche un’altro trattamento molto valido nella medicina estetica che è la biorivitalizzazione viso con gel piastrinico, meglio conosciuto come PRP. Il PRP, ovvero il plasma arricchito delle piastrine del paziente (platelet ricade plasma), è una particolare declinazione della biorivitalizzazione, che è stata messa a punto in America. Essa prevede l’infiltrazione di un gel piastrinico  nella cute, allo scopo di velocizzare il processo di rigenerazione cellulare. Dopo il trattamento con PRP il viso risulterà compatto, tonico e luminoso.

Il lipofilling è un’altro tra gli interventi di medicina estetica più diffusi.  Consiste  nella rimozione di grasso da una parte del corpo dove solitamente è in eccesso. Questo grasso verrà poi a sua volta trasferito in varie parti del viso, come guance, zigomi e occhiaie.

Questo tipo di trattamento ultimamente si è anche affinato nel campo della senologia.

La prevenzione in ogni ambito della Medicina, è riuscita ad evitare l’evolversi di molte patologie. Lo stesso principio vale nella Medicina estetica. Dai 40 anni in poi soprattutto, il derma profondo è soggetto ad una diminuzione dei fibroplasti con ridotta produzione di collagene ed elastina, atta quindi al conseguente invecchiamento.

Conclusioni

Le tecniche più richieste e riconosciute di cui vi ho parlato sono volte a ritardare il più possibile questo fenomeno, ritardando di anni l’assottigliamento della cute e la comparsa di rughe da perdita di elasticità. Tali tecniche, ovviamente se eseguite da medici referenziati e capaci soprattutto di ben interpretare nel paziente il giusto percorso da ottimizzare, danno risultati ottimi nel “fermare il tempo”. Inoltre, molto spesso, se questi metodi verranno applicati con la giusta costanza, eviteranno in futuro interventi molto più invasivi, non limitando oltretutto la quotidianità delle persone e né comportando spese cospicue, ma che se fatte con costanza, porteranno gli stessi eccellenti risultati tanto desiderati.

L’osservazione e la sperimentazione, hanno provato in tutti questi anni di studi, che ogni fenomeno deriva da una causa che l’ha prodotto, ma hanno anche permesso di rilevare che l’effetto che ne consegue, diviene spesso una causa capace di progettare e di generare nuovi effetti. Per cui, rileveremo, su queste basi, che tutti gli esseri viventi, in maniera adeguata al loro tipo di evoluzione, saranno orientati innanzitutto verso la sopravvivenza dei loro stati di fatto e dei loro desideri.

Per l’essere umano, la specie più delicata ma anche perfezionata, il bisogno di pianificare il proprio futuro, soprattutto sotto l’aspetto fisico e psichico, di immaginare un domani più appagante, fresco e capace di far sentire giovani anche coloro che non lo sono più, è lo scopo  più essenziale dell’esistenza. Solo per questo dobbiamo prendercene cura con attenzione, parsimonia, equilibrio e cautela.

La bellezza ci plasma creativamente e soggettivamente, ma non dimentichiamo di rimanere anche sempre noi stesse.